Il direttore dell’UNICEF di Bruxelles è stato arrestato per pedofilia.

Rivelato da Le Soir de Bruxelles nel marzo 1987, l’esistenza di una rete di pedofilia con sede a Bruxelles ha assunto una nuova dimensione con l’arresto, mercoledì 17 giugno, nella capitale belga, del direttore dell’ufficio dell’UNICEF, Sig. Jos Verbeeck. È stato accusato di “indignazione pubblica e incitamento alla dissolutezza di minori di età inferiore ai sedici anni”. Il nome dell’UNICEF, ovvero i locali che ospitano l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’aiuto ai bambini, era stato menzionato per diversi mesi in questo caso.

Tra le migliaia di riprese pornografiche realizzate in diversi paesi europei, è emerso che in questi uffici sono state scattate diverse serie e che sono state installate attrezzature di laboratorio nelle cantine. Anche un funzionario dell’UNICEF era stato arrestato.

Che ruolo ha avuto Jos Verbeeck? Era contento di “coprire” le attività di questo funzionario o era anche “complice” delle sue attività come suggerisce l’accusa? Con questo arresto, un totale di quattordici persone sono state accusate in Belgio. Tutti sono sospettati di aver partecipato o organizzato una rete di “bambini affittati” sotto la copertura di CRIES (Centro di ricerca e informazione sui minori e la sessualità). Uno degli accusati, il direttore sportivo dell’Università di Louvain-la-Neuve, è stato trovato impiccato nella sua cella il giorno dopo il suo arresto.

Il giudice istruttore incaricato del caso aveva anche pubblicato due foto sulla stampa belga di una ragazza di età compresa tra sei e otto mesi, che era stata vittima di violenza sessuale e che stiamo cercando di identificare. In effetti un numero minimo di bambini potrebbe essere identificato. Secondo le foto sequestrate, la rete ha utilizzato molti giovani di origine nordafricana.

La rete ha ramificazioni in altri paesi europei. Un architetto olandese è stato arrestato a Delft, il direttore principale di CRIES-Svizzera è stato arrestato in Gran Bretagna e un cittadino belga è stato imprigionato in Francia. A Bruxelles, infine, ci chiediamo se debba essere presentato un rapporto con il recente scandalo scoperto nei Paesi Bassi (Le Monde del 13 giugno 1987), dove diversi adulti avevano abusato di quasi settanta bambini di un villaggio vicino a Gröningen.

Fonte: https://www.lemonde.fr/archives/article/1987/06/20/le-directeur-de-l-unicef-de-bruxelles-est-arrete-pour-pedophilie_4049817_1819218.html?fbclid=IwAR17I5ciB4MMYjBTCccl1Rw17Z3IFmPLpsJsiOTP1qQ4B2jQUrqODJywsPw

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su google
Condividi su reddit
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su email